martedì 13 dicembre 2016

What books mean to me

A me piace dire così: nei libri non voglio (più) cercare me stessa. Nei libri, i miei libri, anelo a cercare l'altro. L'altro che io non sono. L'altro che non potrò mai essere.
                
Sono giorni che penso a queste cose. Stasera, finalmente, sono giunta ad una loro elaborazione. 
Questo sono, per me, i libri: fonte inesauribile di scoperta e possibilità. Scoperta dell'altro, che è esso stesso possibilità.

Solo ora che sto crescendo e sto davvero entrando nella crisi della mia instabile maturità, mi rendo conto della grandiosità della parola "possibilità". E' una parola infinita e indefinita. Cosa le manca? Praticamente nulla. Nella possibilità c'è tutto e il Tutto. E a chi crede che leggere sia una perdita di tempo, mi piacerebbe dire esattamente questo: leggere regala innumerevoli possibilità, prima fra tutte quella di essere liberi, per un'ora o due o tre, di non essere solo ed esclusivamente se stessi. Perché checché se ne dica, c'è una grandissima dose di presunzione e narcisismo nel dire che si è fieri di riuscire ad essere sempre se stessi. 

Io personalmente vorrei poter essere sempre diversa da quello che sono. Vorrei poter essere quell'altro che guardo da lontano, e a cui invano tendo la mano. Quell'altro che ammiro, o perché no, invidio e disprezzo. Mi piacerebbe non essere schiava delle mie idee, della mia formazione, della mia personalità, della mia emotività. Mi piacerebbe che non ci fosse più alcuna identità in cui riconoscersi.

I libri grandi e belli sono quelli in cui non ci si riesce a riconoscere, quelli che nella maniera più dura e cattiva suggeriscono che c'è più di qualcosa al mondo su cui la mente non si è ancora soffermata.
Ed è per questo che credo con grande convinzione che i libri non debbano insegnare proprio nulla: il senso delle cose non corrisponde, voglio sperare, ad alcuna morale...






Nessun commento:

Posta un commento